Il VideoMaker Film Festival vince il Premio Cinema Campania 2015

Si è tenuta al PAN (Palazzo delle Arti di Napoli) venerdì 18 dicembre la serata di premiazione per il “Premio Cinema Campania ”, primo riconoscimento dedicato ai giovani che si sono particolarmente distinti nell’ambito cinematografico campano nell’arco del 2015. Tra i numerosi premiati, anche il VideoMaker Film Festival, festival internazionale di cortometraggi, che da quattro anni porta a Casalnuovo di Napoli i più promettenti registi e attori di tutto il mondo.
La Kermesse, organizzata dal Social World Film Festival di Vico Equense, con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Direzione Gioventù del Ministero dei Beni e Attività Culturali, si propone di rappresentare negli anni qualcosa di concreto, che possa spingere i giovani in Campania ad investire sempre idee, risorse e forza nella propria terra attraverso la settima arte.
“Un’altra finestra sul cinema giovane, il VideoMaker FilmFestival, per l’organizzazione giovane e precisa di un piccolo ma grande festival di provincia”, questa la motivazione decretata dal Comitato d’Onore del premio composto per l’occasione dall’avv. Antonio Tosto, presidente del Forum Giovani della Regione Campania; Valerio Caprara, presidente Film Commission Regione Campania; Giuseppe Colella, presidente del Coordinamento Festival Cinematografici della Campania, Teresanna Nuzzo, presidente del Social World Film Festival; e dall’Assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli, Alessandra Clemente.
L’evento ha visto anche la presentazione del libro “Cinema è sogno”, antologia delle più famose frasi del cinema italiano dal 1930 ad oggi, scritto da Giuseppe Alessio Nuzzo ed edito da Pulcinella Editore.
“Siamo molto contenti – ha dichiarato Pietro Ponticelli, Presidente dell’Associazione culturale T.A.R.E. (Terapie Artistiche per Ricoveri Emozionali) – di aver ricevuto questo premio. Solitamente siamo noi organizzatori di festival che premiamo registi o attori ed è giusto che sia così, perché senza di loro noi non avremmo ragione d’esistere. Però, allo stesso tempo, non emerge il grosso e faticoso lavoro che c’è dietro l’organizzazione di un buon festival. Penso che il premio di stasera sia il giusto riconoscimento a tutti coloro che lavorano gratuitamente da anni a questo progetto, a dimostrazione che la nostra terra non è solo terra dei “fuochi”, ma soprattutto terra vivace di cultura e di grandi professionalità. Ai miei compagni di viaggio va questo premio”.

IMG_1538